impianti dentali quando manca osso

Spesso e volentieri il paziente con una grave atrofia mascellare, non sa bene, a chi rivolgersi e cosa meglio fare nelle sue condizioni.

Ci vorrebbe un consulente implantare Amico, che senza luco, potesse offrire al paziente di turno, indicazioni serie e veritiere, con cui il paziente possa comprendere meglio la sua situazione attuale, quale soluzione o tecnica, sia più idonea ed appropriata per lui, spendendo il giusto.

Bene cercando in autonomia, tutte queste informazioni in rete, sperando, che siano vere e genuine è una mera perdita di tempo, un’illusione.

Per questa ragione abbiamo realizzato questo piccolo portale, che con parole, contenuti, immagini e video, cercheranno di spiegare e far comprendere, soluzioni che al dilà del singolo caso, possano offrire informazioni importanti, per una scelta corretta.

Per prima cosa dobbiamo eseguire una tac cone beam personale, andare in un centro radiologico, con la ricetta del proprio medico curante, che prescrive una tac cone beam per le arcate dentali.

E’ sempre bene farsi una panorramica o meglio una tac dentale propria, che ognuno può portare con se’ ad ogni nuovo consulto, senza che la stessa rimanga “OSTAGGIO” del medico.

Una volta aottenuta una radiografia, dobbiamo verificare le nostre condizioni, nel senso, di capire in quale posizione il nostro osso è mancante.

Una volta che comprendiamo dove l’osso manca, abbiamo l’opportunità di capire e scegliere quale delle soluzioni, che oggi esistono nel mondo medico, possano fare al caso nostro.

Ora metteremo tutte le possibili diverse varianti poi ognuno, trarrà le proprie conclusioni.

Tenendo presente, che in queste soluzioni, noi a priori abbiamo scartato tutte quelle, con gli innesti d’osso autologhi, come mento, calvaria, anca, ecc.. Grandi rialzi del seno mascellare e rigenerazione ossea.

  • Radiografia del mascellare superiore con assenza di osso nella zona posteriore. Sotto puoi vedere con quale tecnica oggi puoi risolvere il tuo caso senza ricorrere agli innesti, rialzi, rigenerazione
  • Radiografia del mascellare superiore, con assenza di osso posteriore + assenza di osso orizzontale nella zona frontale premaxilla da canino a canino
  • Radiografia del mascellare superiore, con assenza totale di osso sposteriore e frontale. Sotto puoi vedere con quale tecnica oggi puoi risolvere il tuo caso senza ricorrere agli innesti, rialzi, rigenerazione

La tecnica di implantologia senza osso posteriore del mascellare superiore si chiama doppio cerchiaggio di seno mascellare e consiste:

Nell’inserimento di 2 impianti dentali Pterigoidei, 1 per ogni singolo lato, nella parte posteriore del mascellare, zona molare osso basale che non si consuma detto Palatino/Pterigoideo, facente parte dei pilastri di resistenza basali, che sorreggono il cranio, quando l’osso alveolare ordinario del mascellare dell’essere umano si consuma completamente.

Questa tecnica ci permette di baipassare la zona sel mascellare senza osso dei seni mascellari, inserendo 1 impianto molto resistente per ogni lato

La tecnica di implantologia senza osso posteriore del mascellare superiore + assenza di osso orizzontale nella parte frontale si chiama:

Zona posteriore doppio cerchiaggio di seno mascellare e consiste:

Nell’inserimento di 2 impianti dentali Pterigoidei, 1 per ogni singolo lato, nella parte posteriore del mascellare, zona molare osso basale che non si consuma detto Palatino/Pterigoideo, facente parte dei pilastri di resistenza basali, che sorreggono il cranio, quando l’osso alveolare ordinario del mascellare dell’essere umano si consuma completamente.

Zona Frontale Split Crest consiste:

Nello scollamento gengivale destro e sinistro, sulla cresta del mascellare superiore, procedere con un taglio nel mezzo del crestale a tipo panino, inserire dei cunei detti espansori, per portare l’osso di questa zona ad espandersi, sino a raggiungere la misura degli impianti dentali da inserire.

Una volta raggiunta questa misura di espansione, si eliminano gli espansori e si inseriscono gli impianti dentali trasversali, al termine si ricuce tutto e la tecnica giunge al termine.

Denti fissi senza osso

La tecnica di implantologia senza osso posteriore del mascellare superiore si chiama doppio cerchiaggio di seno mascellare e consiste:

Nell’inserimento di 2 impianti dentali Pterigoidei, 1 per ogni singolo lato, nella parte posteriore del mascellare, zona molare osso basale che non si consuma detto Palatino/Pterigoideo, facente parte dei pilastri di resistenza basali, che sorreggono il cranio, quando l’osso alveolare ordinario del mascellare dell’essere umano si consuma completamente.

La tecnica di implantologia senza osso nella zona frontale si chiama implantologia Zigomatica e consiste:

Nello scollamento della gengiva zona seno mascellare, sino a raggiungere la visualizzazione dell’osso zigomatico, a questo punto si procede con frese, mallet e piezo alla realizzazione del solco che ingloberà e veicolerà l’impianto allo zigomo, una volta avvitato nello zigomo in zona apicale e fissato in zona canino premolare la sua parte terminale l’intervento giunge al termine con la sutura.

Lincontro di queste due tecniche nel caso dell’intervento del signor Giordano, Labbiamo chiamata IMPLANTOLOGIA PTERIGO/ZIGOMATICA

E Si differenzia dalla sua sorella IMPLANTOLOGIA ZIGOMATICA CON NSERIMENTO 4 IMPIANTI ZIGOMATICI DETTA QUOD

  • 1 Miglior Stabilità sulla protesi
  • 2 Migliore Confort durante la masticazione
  • 3 Migliore estetica

Nostra Tecnica Dell’implantologia Pterigo/Zigomatica per pazienti con assenza completa di osso mascellare